Porting di Android per Samsung Wave, il punto della situazione dopo mesi di lavoro.




E’ passato ormai circa un mese dal nostro ultimo articolo riguardo al porting di Android per l’immortale Samsung Wave ( Android su Samsung Wave: finalmente i primi passi sul fronte modem!). Da allora si potrebbe pensare che ormai la percentuale di completamento sia giunta prossima al 100%, ma purtroppo quel sogno è ancora lontano dall’avverarsi. Tuttavia non avrebbe senso scrivere questo articolo se qualcosa non fosse cambiato, e siccome noi di StyleTechBlog poniamo l’informazione prima di tutto, anche questo post ha il suo senso di esistere e un suo messaggio dedicato al nostro pubblico di lettori (in particolar modo ai possessori di un Samsung Wave). Le cose da dire sarebbero tante, ma noi vedremo di essere il più possibile sintetici, facendo risaltare le vere patate bollenti di queste ultime settimane.

Iniziamo subito col dire che per chi stesse seguendo il nostro prototipo di articolo timeline ( ROM Android per Samsung Wave I), questo ha raggiunto il suo termine, dal momento che alcuni progetti sono stati abbandonati ed altri sono stati ripresi ex-novo. Mantenendoci sulla scia dell’informazione basilare ci teniamo fin da subito a sottolineare che adesso il porting è ufficialmente disponibile sia per Wave 1 che per Wave 2. Detto questo è anche fondamentale dire che la versione di Android “portata” sui Wave si è aggiornata all’ultima disponibile, ovvero: Android Jelly Bean 4.1.2.

L’eroe Tigrouzen inoltre nel frattempo è letteralmente caduto in battaglia, ed è stato bloccato nel suo lavoro per una complicazione riguardo ad una questione di “GPL Non-Compliance“. Addio quindi alla AOKP JB su NAND. Ah già, non vel’avevamo detto? Il porting si è anche trasferito dalla memoria “esterna” alla memoria NAND, ovvero la stessa sulla quale è installato Bada.
I pregi? una velocità insuperabile da qualsiasi tipo di microSD ed una stabilità nel filesystem finora appena accennata.
I difetti? ..beh a dirla tutta si ha circa il 75% in meno dello spazio memoria su Bada, ma d’altronde se il porting riguarda Android, perchè preoccuparsi di Bada?
Tuttavia c’è ancora chi non si sente pronto per questo grande passo e preferisce ancora puntare sulla memoria “esterna”, preservando in questo modo il sistema Bada e rinunciando ad una evidente rapidità d’uso. Stiamo parlando di Rebellos, che con la sua CyanogenMod 10 continua a stupire gli utenti man mano che le versioni vengono rilasciate. Attualmente ci troviamo alla versione 0.06 ma la versione 0.07 (con diversi fix importanti) è già stata annunciata; un changelog dei lavori in corso è disponibile presso il thread ufficiale.

Abbiamo poco sopra detto che il lavoro di Tigrouzen è stato bloccato, e ciò è vero; è vero però anche che nonostante ciò Zen (il suo nuovo nome) ha continuato a migliorare lo stato del porting ed ha persino rilasciato per “vie traverse” una nuova ROM che attualmente si è dimostrata la migliore (in seguito anche ad un aggiornamento avvenuto nel giro di qualche giorno). La ROM in questione è ovviamente basata su Android Jelly Bean 4.1.2 e più precisamente va a riprendere il lavoro del team Kang (ricordate la ROM Fast n Furious?) arricchendolo di diverse ottimizzazioni che la portano al nome definitivo di “Tsunami X“.
Possiamo dunque tranquillamente affermare che la Tsunami X è attualmente la migliore ROM presente per Samsung Wave 1 (gli utenti Wave 2 possono comunque testare la compatibilità andando ad usare uno dei kernel già disponibili)

Andando a chiudere questa sorta di articolo introduttivo, ancora una volta ricordiamo che il porting per quanti passi abbia fatto in avanti resta comunque un sistema estremamente instabile e soprattutto potenzialmente dannoso. Tra le maggiori pecche:

- mancato riconoscimento della batteria (percentuale fissa sullo 0%)
- mancata protezione dal surriscaldamento in fase di carica (è stato fatto presente che la batteria potrebbe letteralmente esplodere in caso di carica prolungata sotto il sistema Android)
- assenza totale della copertura di Rete (impossibile ricevere/inviare SMS/chiamate)
- problemi sporadici con lo speaker
- microfono disattivato
- impuntamenti costanti soprattutto dopo qualche ora di utilizzo
- GPS disattivato
- tantissimi altri difetti minori che riguardano la luminosità dello schermo, l’utilizzo del flash, e così via…

Detto ciò noi vi diamo appuntamento al prossimo articolo, all’interno del quale spiegheremo passo passo le nuove e più complesse procedure per poter godere anche voi di un’esperienza Android su di un terminale apparentemente abbandonato dalla sua casa madre, ma che ancora a distanza di due anni riesce a far parlare bene di se.

NEXT POST -> Come installare Android JellyBean (AOKP) su Samsung Wave

Android Wave

TO FOLLOW -> Come installare Android JellyBean (CM10) su Samsung Wave 1/2